INTERVISTA ALL’AUTRICE DI ‘ANIME PERSE’

 

copertina_anime_perse_400

 

 

 

             Anime Perse

 

 

 

 

 

 

 

1. Ciao Claudia, grazie per aver scelto di fare questa intervista con me. Inizierei con il chiederti un po’ di te. Come mai hai deciso di “buttarti” in questa prova da scrittrice?

Diciamo che non mi ci sono proprio buttata, lo faccio da sempre e inizio a pensare che sia una cosa che non smetterò mai di fare. Ho iniziato quando ero piccola, scarabocchiando disegni e qualche frase, poi andando avanti ho avuto un diario (come tutte credo) finché non mi sono appassionata ai libri e perciò, alla scrittura di romanzi.

 

2. Com’è nato il tuo libro hai preso spunto da qualcosa?

Il mio libro è nato dal nulla!
Un giorno me ne stavo seduta al mio banco, in aula, a fantasticare su quanto mi sarebbe piaciuto fare un viaggio in Irlanda. Poi, di colpo, ho tirato fuori carta e penna e ho scritto il primo capitolo, che parlava proprio dell’isola e di un’antica leggenda. Le parole sono venute fuori da sole e pian piano il romanzo ha preso forma. Per i capitoli successivi, invece, mi sono ispirata alla raccolta di racconti e ballate scritte da Mila Fois.

 

3. Ogni scrittore credo che provi qualcosa di diverso durante la scrittura, tu Claudia cosa provi?

Scrivere per me vuol dire tante cose: liberarsi dei pensieri che ti fanno star male, viaggiare in posti per i quali non basterebbe prendere un treno e riflettere sull’importanza che, quelle precise parole, hanno per me. Quando ho scritto il mio romanzo avevo solo diciassette anni e dopo averlo fatto, l’ho rinchiuso in un cassetto, tirandolo fuori quando ne avevo più bisogno. Un po’ come si fa quando ti serve un buon consiglio e il tuo amico di sempre è pronto a dartelo.

 

4. Parlami della tua/o protagonista, sbizzarrisciti.

Emily è la protagonista del mio romanzo ed è una ragazza molto riflessiva, altruista ed empatica. Ha tutto quello di cui ha bisogno: una bella famiglia, degli amici di cui fidarsi e un futuro che aspetta solo lei. Tutto cambia quando si ritrova a dover vivere un destino che non le appartiene, che non avrebbe mai immaginato di dovere affrontare …
E’ un personaggio che si trasforma nel corso della storia, muta in base agli eventi che si susseguono senza sosta, coinvolgendola su due fronti: quello relativo alla sua vita e quello che lei vorrebbe per questa. E’ perciò l’eroina di se stessa, anche se talvolta potrà sembrare vittima o indifesa, in realtà non lo è. È figlia di un coraggio innato e di una forza che, spesso, non pensiamo possa appartenerci ma che invece abbiamo.

 

5. In che luogo e periodo è ambientata la tua storia?

La storia è ambientata ai giorni nostri. Si svolge in Irlanda, in una piccola cittadina di nome Fethard, nella contea di Tipperary.

 

6. Cosa rende speciale i tuoi personaggi? Cosa li distingue dagli altri?

Beh, penso che tutti i personaggi siano importanti a modo loro. Ai miei mi ci sono affezionata, come se li conoscessi realmente. Li ho trascritti nelle pagine del
romanzo dopo averli immaginati nella loro quotidianità, nei loro gesti e difetti. Penso li renda speciali il fatto che siano unici, che siano frutto della realtà che mi circonda tutti i giorni e di quello che vorrei. Senza volerlo ho tramandato nei loro modi e nella loro vita, un po’ di quella che sono e di quella che vorrei essere. In un certo qual modo ho tirato fuori me stessa, quella che talvolta nascondo agli altri, dandole forma.

 

7. Da cosa è mosso il tuo protagonista? Es. (Amore, rabbia, vendetta, dolore, ecc..), e qual è il suo obbiettivo?

La mia protagonista è mossa dalla rabbia e dall’amore. Sembrano due sentimenti contrastanti ma per lei, per Emily, non lo sono.
Il fatto che lei abbia timore a rivelare le sue emozioni (perché è proprio di questo che si nutre il suo potere) la rende vulnerabile e talvolta debole. Questo la fa arrabbiare e la porta ad affermare con certezza, che ciò che sta provando non le appartiene. L’amore per la sua famiglia, per i suoi vecchi amici e per i nuovi, la spinge a farsi coraggio e a trasformare quella rabbia in un’arma da scagliare contro i suoi nemici. Il suo obiettivo è quello di essere libera e di poter tornare alla normalità ad ogni costo, anche se questo vuol dire sacrificare ciò che lei ha sempre considerato come “sacro” e perciò come un qualcosa da proteggere.

 

8. Perché hai dato quel nome al tuo protagonista? Qual è il significato che si cela sotto?

Dietro il suo nome si nasconde una leggenda, che non posso raccontare… posso solo dirvi che il suo significato, nella cultura celtica, è “cortese e rivale”.

 

9. Piccolo estratto.

In quel freddo pomeriggio di fine ottobre, ricordai una vecchia leggenda che la nonna materna amava raccontar- mi. Narrava di una donna, forte e coraggiosa, in grado di controllare il tempo. Ogni notte ella si recava in un vecchio cimitero abbandonato, fermava lo scorrere delle lancette e la caduta delle foglie, richiamando a sé creature che non conoscevano né tempo né luogo, solo eternità e solitudine: le anime dei defunti. Una in particolare a cui lei era profondamente legata e che non avrebbe mai abbandonato, anche a costo d’impedire all’eternità il suo corso: sua figlia. La piccola era una gioia per i suoi occhi e un assaggio di felicità per il suo cuore frantumato dalla per- dita che aveva subito. Un dono e una maledizione, una la- ma a doppio taglio, poiché l’avrebbe potuta osservare per sempre, senza che la morte gliela portasse via ancora una volta, ma non l’avrebbe mai più potuta toccare o abbracciare, poiché di lei non era rimasto altro che cenere. Così come accade in un sogno, sei costretto a convivere con una realtà che non vorresti, che si beffa di te, servendosi delle tue forze per annientarti e delle tue debolezze per far breccia nei tuoi pensieri. Il tempo non fermerà quello che senti, anche se pensi di poterlo controllare, anche se pensi di poterlo fermare per goderti quegli attimi di felicità che ti vengono donati. Quel giorno io divenni quella donna, quel giorno capii che ciò che desideravo per la mia vita non si sarebbe mai avverato e che l’avrei osservata come se fosse stata un fantasma di me, un’ombra. “Fa’ sì che non ti trasformino in polvere, impediscilo a ogni costo, anche se a chiedertelo è la persona che più ami al mondo. Tu sei forte, tu sei caparbia, tu sei l’unica a poter controllare il tuo destino.” Si sbagliava, la nonna, aveva torto. Perché di me non ne sarebbe rimasto nulla. Perché non hai modo di ripararti dalla battaglia quando il tuo unico scudo, in realtà, è l’arma che sta per trafiggerti il cuore.

 

10. Trama del tuo libro + link acquisto.

Emily è una giovane studentessa la cui vita scorre tranquilla finché non inizia a sognare una donna misteriosa, che invade i suoi ricordi e i suoi pensieri ogni notte. Disorientata, cerca dapprima di placare le sue inquietudini isolandosi dagli amici, fino a trascorrere un’intera estate in solitudine. Poi, con la ripresa della scuola, la routine giornaliera la illude che tutto possa sistemarsi, che gli incubi finiranno e che lei potrà tornare a essere la ragazza spensierata che era. Fino a quando, un pomeriggio d’autunno, inoltratasi nel parco per leggere alcune pagine di un libro appena iniziato prima di rientrare a casa, viene aggredita da uno sconosciuto che mormora una strana litania. Nel tentativo di difendersi, Emily risveglia un arcano potere dormiente che le consente di impossessarsi della forza vitale dell’anima di qualsiasi essere, vivente oppure no. Senza averne contezza, è appena diventata una Raccoglitrice. E un altro Raccoglitore è nel parco quello stesso pomeriggio, erede di una delle più antiche e prestigiose casate di Irlanda: i Blawick. Insieme dovranno fronteggiare e contrastare l’Ordine dei Cacciatori e l’Ordine della Rosa che temporaneamente alleati mirano a impossessarsi della Raccoglitrice e del suo potere. Costretta a dover scegliere cosa è giusto e cosa è sbagliato, se vivere e assecondare un potere misterioso. È un’anima sola, incerta sulla strada da seguire, perché non si ha modo di ripararsi da una battaglia quando l’unico scudo, in realtà, è l’arma che sta per trafiggerti il cuore.

 

 

Per acquistarlo:

In libreria Sito casa editrice: https://www.giovaneholden.it/collane/product/1014-anime-perse

Amazon (anche in formato e-book): https://www.amazon.it/Anime-perse-Claudia-Jeraci-ebook/dp/B08M5YTVWN/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=anime+perse&qid=1605695043&sr=8-1

Un pensiero riguardo “INTERVISTA ALL’AUTRICE DI ‘ANIME PERSE’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...